homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Vigentino Today

Porta Ticinese, tenta di truffare il parroco, arrestato uno svedese

Sceglieva i parroci anziani come loro vittime. Ieri ha tentato di truffare don Bruno, ex parroco di una chiesa in Ticinese. La sua perpetua però insospettita ha chiamato un prete più giovane e insieme hanno fermato e consegnato l'uomo alla polizia

I sacerdoti erano le sue vittime preferite, tanto che per compiere le sue truffe sfogliava gli elenchi delle parrocchie lombarde e in base alla data di nascita dei preti sceglieva le sue vittime. Ieri però è stato arrestato, Eric Leroy.

L’uomo ha tentato di truffare l’ex sacerdote di una chiesa di Porta Ticinese ma è stato scoperto dalla perpetua, che insieme ad un altro prete lo hanno inseguito ed acciuffato. L’uomo è stato poi preso in consegna dalle forze dell’ordine.

Il truffatore ha preso prima una serie di informazioni sull’ex parroco, l’87enne don Bruno, e lo ha poi chiamato al telefono: “Sono il marito di Lucia, la tua parente che stava in Argentina. Mio figlio è a Milano per un master all'università. E' molto impegnato, ma se ha tempo passa a trovarti”.

Poco dopo la telefonata, il Leroy si è presentato in canonica e ha raccontato al prete di aver perso il libretto degli assegni e di aver bisogno di 650 euro per completare l’iscrizione all’università.

Don Bruno ha chiesto alla sua perpetua kazaca di portarle il suo libretto, ma la donna insospettita dal giovane ha risposto che gli assegni erano finiti. L’uomo è riuscito comunque a farsi consegnare 200 euro in contanti, ma a quel punto la badante del prete ha avvertito un altro parroco, don Giuseppe di 44 anni.

L’uomo ha quindi rincorso il truffatore e, con l’aiuto dell’addetto delle pulizie, a fermarlo.
Nelle tasche del giubbotto del malvivente, la polizia ha poi trovato l'elenco delle parrocchie lombarde. I nomi di molti parroci, tutti ultraottantenni, erano stati cerchiati con un pennarello rosso.
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di cica
    cica

    pero'.un moderno arsenio lupen!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio a Seregno, incontra l'ex in strada: lui la uccide con due colpi di pistola al petto

  • Sport

    Candidare Milano per le Olimpiadi del 2024 al posto di Roma: Maroni lancia la proposta

  • Cronaca

    E' morto lo scrittore milanese, "cannibale", Tommaso Labranca: aveva solo 54 anni

  • Cronaca

    I passanti trovano il cadavere di una donna nel canale Villoresi ad Inzago: disposta l'autopsia

I più letti della settimana

      Torna su
      MilanoToday è in caricamento