menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Vigentino Today

Porta Ticinese, tenta di truffare il parroco, arrestato uno svedese

Sceglieva i parroci anziani come loro vittime. Ieri ha tentato di truffare don Bruno, ex parroco di una chiesa in Ticinese. La sua perpetua però insospettita ha chiamato un prete più giovane e insieme hanno fermato e consegnato l'uomo alla polizia

I sacerdoti erano le sue vittime preferite, tanto che per compiere le sue truffe sfogliava gli elenchi delle parrocchie lombarde e in base alla data di nascita dei preti sceglieva le sue vittime. Ieri però è stato arrestato, Eric Leroy.

L’uomo ha tentato di truffare l’ex sacerdote di una chiesa di Porta Ticinese ma è stato scoperto dalla perpetua, che insieme ad un altro prete lo hanno inseguito ed acciuffato. L’uomo è stato poi preso in consegna dalle forze dell’ordine.

Il truffatore ha preso prima una serie di informazioni sull’ex parroco, l’87enne don Bruno, e lo ha poi chiamato al telefono: “Sono il marito di Lucia, la tua parente che stava in Argentina. Mio figlio è a Milano per un master all'università. E' molto impegnato, ma se ha tempo passa a trovarti”.

Poco dopo la telefonata, il Leroy si è presentato in canonica e ha raccontato al prete di aver perso il libretto degli assegni e di aver bisogno di 650 euro per completare l’iscrizione all’università.

Don Bruno ha chiesto alla sua perpetua kazaca di portarle il suo libretto, ma la donna insospettita dal giovane ha risposto che gli assegni erano finiti. L’uomo è riuscito comunque a farsi consegnare 200 euro in contanti, ma a quel punto la badante del prete ha avvertito un altro parroco, don Giuseppe di 44 anni.

L’uomo ha quindi rincorso il truffatore e, con l’aiuto dell’addetto delle pulizie, a fermarlo.
Nelle tasche del giubbotto del malvivente, la polizia ha poi trovato l'elenco delle parrocchie lombarde. I nomi di molti parroci, tutti ultraottantenni, erano stati cerchiati con un pennarello rosso.
Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di cica
    cica

    pero'.un moderno arsenio lupen!

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Rissa in metropolitana: in sei picchiano un ragazzo con calci e pugni sulla linea verde

  • Cronaca

    Bambino di tre anni investito da un’auto: ferito, l'autista pestato a sangue in strada

  • Cronaca

    'Esplode' una tubatura: allagamenti nel Quartiere Adriano, traffico in tilt | Foto

  • Cronaca

    Maltempo, violento nubifragio su Milano: strade allagate, metro e traffico in tilt - FOTO

Torna su